ULTIMI ARTICOLI

Etnografia del web e web marketing: un classico di metodologia della netnografia firmato Robert Kozinets

Questa settimana proponiamo ai lettori un testo fondamentale per la storia della netnografia “The Field Behind the Screen: Using the Method of Netnography To Research Market-Oriented Virtual Communities”  di Robert V. Kozinets (2000), per noi tradotto da Laura Alessandrini e Alessandro Sabatucci e [qui scaricabile]. In questo articolo Kozinets compie due operazioni fondamentali. Anzitutto sistematizza […]

Aria di Pixel: Massimo Cenevacci e la riproducibilità auratica digitale

  L’avvento dell’Internet segna il tramonto cognitivo delle categorizzazioni dicotomiche, e del mondo fenomenico che da quelle categorie scaturiva: reale-virtuale, vero-falso, pubblico-privato, globale-locale, vero Sé – falso Sé, Sé monolitico – Sé molteplice. Ed è stata la scrittura digitale della Rete a metterci di fronte a questa tragica e vertiginosa consapevolezza: una scrittura multivocale, fatta […]

Riflessioni nichilistiche sulla narrazione di sé

La pratica più caratteristica, se non addirittura fondate del Web 2.0 è la scrittura, pratica che il più delle volte assume forma di racconto su e di se stessi. Ecco perché, per l’etnografo digitale, è sempre importante riflettere sulla narrazione di sé, anche in maniera estemporanea come quella proposta in questo post. “L’antropologia, ormai, non parla […]

Netnografia e pratiche di boicottaggio: “Animare il consumo”, un classico della netnografia firmato Robert Kozinets e Jay Handelman

Proponiamo oggi un classico della netnografia: “Animare il consumo: un’esplorazione netnografica sul significato delle pratiche di boicottaggio” di Robert V. Kozinets e Jay Handelman, pubblicato nel 1998 sulla rivista Advances in Consumer Research (tradotto da Alessandro Sabatucci e qui scaricabile). Essendo la netnografia una disciplina giovane, senza una storia compiuta alle spalle, mi rendo conto […]

Etnografia digitale, cinque maestri a confronto: Michael Wesch, Gabriella Coleman, Jillian C. York, danah boyd, Amber Case

missouri lottery Con l’avvento del Web 2.0 e dei social network le reti di interazione sociale sono diventate visualizzabili e tracciabili, e perciò la comprensione dei processi sociali che attraversano la vita online è diventata un obiettivo conoscitivo cruciale, strategico per diversi campi delle scienze umane: dalla sociologia, all’antropologia, al marketing, fino ad arrivare alla […]

Contro l’ontologia digitale

california lottery Continua il nostro excursus filosofico sul pensiero di Luciano Floridi. Questa settimana pubblichiamo la traduzione (fatta da Laura Alessandrini e Alessandro Sabatucci) dell’articolo ‘Against Digital Ontology’ (“Contro l’ontologia digitale” scarica qui). Se in ‘The construction of personal identities online’ Floridi ci aveva parlato della natura molteplice dell’identità personale in Rete, nel presente articolo […]

Avatar
17 Febbraio 2011
Alessandro Caliandro
commenta

Antropologia e web marketing. Le rappresentazioni culturali delle Mamme 2.0 : consumo, identità e resistenza

texas lottery Chi sono le Mamme 2.0? Abbiamo cercato di scoprirlo oggi alla Social Media Week presentando la ricerca che dà il titolo a questo post e che potete scaricare qui. Le Mamme 2.0 sono giovani mamme “iperconnesse” che riversano sulla Rete una enorme flusso di informazioni e conoscenze legate a brand e prodotti per […]

Rivolta egiziana, new media e old media

Gli eventi politico-sociali dell'attualità egiziana, e la loro rappresentazione attraverso new media e old media, possono essere indagati fruttuosamente attraverso gli strumenti concettuali di re-mediazione e pre-mediazione.

Avatar
06 Febbraio 2011
Alessandro Caliandro
commenta

Uno sguardo sociologico sulla costruzione dell'identità online

<p> <img class="alignnone size-full wp-image-176" title="Identity" src="http://www.etnografiadigitale.it/wp-content/uploads/2011/01/Identity_picture-1.png" alt="Identity" width="400" alt="812" height="394" /> La costruzione dell'identità online presenta alcune caratteristiche molto interessanti, che in parte la differenziano dai processi di costruzione dell'identità offline in termini sociali. Vediamone alcuni. <p>