ULTIMI ARTICOLI

Come motivare i propri follower con l’aiuto della Netnografia

Proponiamo oggi una libera traduzione di questo articolo, interessante spunto di riflessione sulle dinamiche d’interazione nelle comunità online.   Quando si raggiunge un numero significativo di follower sarebbe utile riuscire a collaborarci e alimentarne l’interesse per le più svariate ragioni, come supportare economicamente una causa, o iscriversi ad una newsletter, o ancora supportare un personaggio […]

Avatar
03 dicembre 2014
Silvia De Simone
commenta

I social media “mettono a tacere” le opinioni, persino offline

    I social media non si stanno dimostrando all’altezza della promessa di diventare spazio online in grado di rispecchiare fedelmente le comunicazioni e conversazioni del mondo offline. Secondo quanto riportato da un report del Pew Research Center, le persone sono meno propense a discutere di argomenti importanti sui social media rispetto a quanto non […]

Avatar
23 settembre 2014
Alessandro Caliandro
commenta

Gli insidiosi effetti negativi dei social network

    Secondo uno studio condotto su 50.000 persone in Italia da STATEC e dall’Università La Sapienza di Roma, i social network potrebbero avere un impatto significativamente negativo sul benessere individuale. I social network hanno permeato le nostre vite con conseguenze di vasta portata. Gli utenti ne fanno uso per restare connessi con i propri […]

Avatar
15 settembre 2014
Alessandro Caliandro
commenta

Netnografia ed Etnografia Digitale: che differenza c’è?

Etnografia Digitale, differenze teoriche, metodologiche e tecniche tra etnografia digitale e netnografia.

Le Elezioni Europee 2014 si avvicinano: qualche insegnamento dal passato

  Il prossimo 25 maggio gli oltre 500 milioni di cittadini europei saranno chiamati alle urne per eleggere i loro rappresentanti al Parlamento Europeo. Le elezioni europee sono state spesso definite second order election, sia perché gli investimenti in termini di comunicazione politica sono inferiori rispetto a competizioni ritenute più strategiche, sia perché lo spazio […]

Spotted Unimi vs Spotted Bocconi – parte 2

In questo secondo articolo presentiamo i risultati ottenuti dall’analisi della pagina “Spotted: Bocconi Milano”, in un’ottica comparata rispetto a quanto emerso per “Spotted: Unimi”. Abbiamo voluto esaminare in maniera più approfondita il fenomeno Spotted, confrontando queste due pagine Facebook. Lo scopo? 1) Verificare se le accuse di cyber bullismo lanciate da stampa e istituzioni trovano […]

Avatar
25 novembre 2013
Massimo Airoldi
3 commenti

Spotted Unimi vs Spotted Bocconi – parte 1

S’è scritto e detto tanto sulle pagine Spotted, da quel giorno di Gennaio 2013 in cui all’Università La Sapienza comparve la prima pagina italiana. Abbiamo voluto esaminare in maniera più approfondita il fenomeno analizzando le modalità e i contenuti dello “spotting” su due pagine Facebook: quella della Statale di Milano e quella della Bocconi. Lo […]

Avatar
13 novembre 2013
Massimo Airoldi
39 commenti

NAMBLA. La concezione della pedofilia nel discorso pubblico attraverso uno studio di etnografia digitale.

  Introduzione  Un acronimo, uno dei tanti in cui ci si può imbattere surfando il web. Solo che questa volta l’acronimo sta per North American Man/Boy Love Association, un’ associazione che celebra quest’anno il suo trentacinquesimo anno di attività, e lo fa nel suo classico spirito, in modo discreto e suscitando inevitabili polemiche, dato il […]

Avatar
09 luglio 2013
Massimo Airoldi
commenta

Michael Wesch: Smile Because it Happened

  In questo post vi invitiamo alla visione di una straordinaria video-etnografia prodotta da Michael Wesch e dai suoi studenti. Michael Wesch è uno dei più prominenti antropologi americani, ma soprattutto è l’iniziatore dell’etnografia digitale – stile di ricerca a noi particolarmente caro. Michael Wesch intende l’etnografia digitale come uno stile etnografico volto a comprendere la […]

#QuartoOggiaro: un’etnografia digitale su Instagram

  Introduzione Quarto Oggiaro, Milano. Una delle più tristemente famose periferie di Milano. Eletto dall’immaginario collettivo a ricettacolo di criminali e spacciatori, pericoloso incrocio di case popolari e marginalità. L’immaginario legato ai luoghi, tuttavia, si fonda sullo storico delle informazioni ricevute, che, una volta consolidate, fungono da filtro per quelle di origine recente . Gli […]